In Catalogna, la gara migliore dell’anno sull’asciutto per il Team Enel Ducati

In un weekend con pista asciutta e condizioni da corsa favorevoli, il Team Enel Ducati ha fatto la miglior gara dell’anno al Gran Premio Aperol di Catalunya, continuando a ridurre il gap dalle prime posizioni.

Valentino Rossi è arrivato settimo, 17 secondi dalla prima posizione, mentre Nicky Hayden, con un problema di sensibilità alla mano destra, è arrivato nono.

Il Team Manager, Vittoriano Guareschi, è stato soddisfatto delle prestazioni: “Abbiamo avuto la gara migliore dell’anno sull’asciutto e abbiamo ridotto il gap (dalle prime posizioni). Abbiamo lavorato bene la settimana scorsa durante i test nel Mugello dove abbiamo introdotto il nuovo pacchetto elettronico. Questo ci ha dato un piccolo vantaggio e ci ha permesso di ridurre il gap dal gruppetto davanti. Comunque, c’è ancora molto da fare per migliorare la moto.”

 

Nonostante il miglioramento del ritmo, il Team Ducati non dorme sugli allori, e Guareschi rileva il prossimo passo: “Abbiamo due sessioni di test importanti, una qui a Barcellona e l’altra sulla pista di Aragon, e vogliamo migliorare gli assetti. Vogliamo risolvere il nostro problema del sottosterzo e migliorare la nostra comprensione della distribuzione del peso corretto. Sono questi i problemi che affronteremo.”

 

Rossi è stato anche soddisfatto del progresso del Team: “Oggi è andata piuttosto bene, anzi è stata la gara migliore dell’anno sull’asciutto sotto diversi punti di vista: sono arrivato più vicino al gruppetto davanti ed il distacco nei tempi sul giro è stato di circa mezzo secondo, il più ridotto che abbiamo pagato finora. Parliamo sempre di un settimo posto, naturalmente, ma quantomeno abbiamo sfruttato il nostro potenziale attuale sull’asciutto. Adesso abbiamo due giorni di test importanti perché verificheremo di nuovo il forcellone in alluminio e proveremo alcune idee di set-up per cercare di ottenere un po’ più di “grip” davanti, per aiutare maggiormente la moto a curvare. Speriamo di fare un altro passettino perché oggi chi era davanti non era “troppo” avanti.”

 

Nicky Hayden è stato molto veloce per tutta il fine settimana, e quindi era deluso di essere stato rallentato da un problema d’insensibilità alla mano destra: “la mia gara è stata molto difficile perché ho avuto un problema alla mano destra che ha perso sensibilità giro dopo giro. Il mio passo all’inizio è stato molto buono ma dopo aver perso terreno sul mio gruppetto, ho solo cercato di arrivare al traguardo senza cadere, perché sono quasi arrivato a non sentire più la leva del freno. Nei test penso che possiamo fare dei progressi nel set-up della moto.”

I Commenti sono chiusi

Enel Ducati sul web