Archivio | "indianapolis"

Valentino Rossi settimo a Indianapolis, Hayden in forse per Brno

Valentino Rossi a Indianapolis ha vissuto un fine settimana difficile nel quale non è riuscito a ritrovare, in qualifica e in gara, i tempi delle prove libere quando in condizioni di temperatura più fresca, aveva girato sul ritmo del secondo gruppo.

Condizionato dalla mancanza di “grip” che si è manifestata dopo pochi giri dalla partenza, il pilota italiano ha chiuso la gara in solitaria, in settima posizione.

 

Nicky Hayden, fermato da una caduta in qualifica che gli ha procurato una forte botta alla testa e una duplice frattura al secondo e terzo metacarpo della mano destra, ha invece seguito la gara dai box. Il pilota americano è poi rientrato a casa, nel vicino Kentucky, dove nel giro dei prossimi due giorni deciderà se prendere parte al GP della Repubblica Ceca di domenica prossima.

 

Valentino Rossi (Ducati Team) 7°
“E’ stato un fine settimana molto complicato. Un po’ ce lo aspettavamo, perché anche l’anno scorso abbiamo avuto delle difficoltà però in questi due giorni c’erano stati anche dei segnali più positivi. Nelle libere della mattina e anche nel warm-up di oggi riuscivo a guidare un po’ meglio, a stare sul passo di 1’40 e mezzo. In gara invece, con la temperatura più alta del pomeriggio, dopo pochi giri la gomma posteriore ha cominciato a scivolare tantissimo e più provavo a spingere più slittava e quindi in realtà andavo più piano. Ho cercato di restare con gli altri ma mi si è chiuso due volte il davanti e sono quasi caduto. A quel punto ho deciso di arrivare alla fine senza fare errori. Sono contento che la prossima settimana ci sia subito Brno perché è una pista che mi piace molto e l’anno scorso abbiamo fatto una gara discreta. Poi avremo anche un test in cui cercheremo di fare un passo in avanti con la moto perché mancano sette GP da qui alla fine e dobbiamo fare delle gare migliori.”

 

Nicky Hayden (Ducati Team) DNS
“Perdere una gara è già difficile, saltare quella di casa è ancora più duro. Tuttavia mi rendo conto che ieri la botta è stata forte e che quindi essere in piedi già da oggi è comunque positivo. Non ci sono grossi danni anche se farsi male alla mano destra è sempre peggio che alla sinistra. Inoltre, anche se oggi mi fossi sentito in grado di guidare, i medici non lo avrebbero permesso perché nella caduta avevo perso conoscenza. La commozione cerebrale non è cosa da prendere alla leggera quindi non do loro alcuna colpa. Però è stato difficile stare a guardare: la gara non sarebbe stata facile ma nel fine settimana avevamo fatto delle cose buone e dei progressi. Comunque a volte va così, adesso devo pensare a recuperare e tornare il prima possibile”.

 

Vittoriano Guareschi (Team Manager)
“Oggi dopo pochi giri per Valentino è diventato molto difficile guidare, ha provato a limitare i problemi che aveva ma non ci è riuscito e a quel punto ha pensato a portare a casa i punti del settimo posto. A Brno dovremo fare meglio. Nei prossimi due giorni capiremo anche se Nicky potrà esserci. Ha due piccole fratture alla mano destra quindi farà alcuni ulteriori esami per verificare se sia possibile a guidare o se sia preferibile saltare anche la Repubblica Ceca e recuperare per Misano. Noi comunque andremo lì con le moto ed il team al completo”.

Pubblicato in Articoli, News ed eventi, ServizioI Commenti sono chiusi

Ducati conclude un weekend difficile a Indianapolis

La mancanza di grip posteriore oltre a un po’ di sfortuna hanno reso particolarmente impegnativo per il Team Ducati il Red Bull Indianapolis Grand Prix. Il pilota americano Nicky Hayden, che sperava di offrire un bello spettacolo al suo pubblico americano, ha subito un brutto incidente nelle qualifiche di sabato, che gli ha provocato fratture al secondo e  terzo  metacarpi della mano destra. Questo lo ha costretto a guardare la gara dal garage, mentre il suo compagno di squadra Valentino Rossi stava cercando di vincere i problemi alla moto, classificandosi infine settimo.

Il Team Manager Vittoriano Guareschi ha così riassunto la gara: “Per noi è stato un weekend molto difficile. I nostri problemi sono iniziati con la caduta di Nicky e il problema con la moto di Valentino. Abbiamo portato a termine la gara, ma abbiamo sofferto in gara con Valentino, perché la moto è diventata molto difficile da guidare per Vale. Ha cercato di capire il modo migliore di limitare il problema, ma non c’era verso. Cercheremo di migliorare la moto per Brno “.

Dopo la gara, l’attenzione si è subito spostata a Brno, con un dubbio importante: se Hayden si sarebbe rimesso in meno di una settimana. Guareschi ha aggiunto: “Nicky ha due piccole fratture nella mano destra. Penso che sarà difficile, ma ci saranno ulteriori controlli per capire se è possibile o meno correre a Brno. Ma andremo con tutta la squadra e prepareremo la sua moto, e aspetteremo. ”

Guareschi ha anche affermato che un pilota sostitutivo non è attualmente contemplato: “Penso che sia difficile, perché abbiamo solo quattro giorni, che è un tempo molto breve. Ed è molto difficile sostituire Nicky. ”

Pensando a Brno, Guareschi è fiducioso sull’andamento della squadra “Per Valentino Brno è una pista buona. Ha avuto buoni risultati in passato e ha vinto un sacco di volte. Penso che sia possibile avere una buona gara, come l’anno scorso. Staremo a vedere. ”

Rossi è stato comprensibilmente giù di tono dopo il fine settimana, ma si sta preparando per il ritorno a Brno: “E ‘stato un fine settimana molto complicato. Ce lo aspettavamo un po’ perché anche l’anno scorso è stato impegnativo, ma ci sono stati anche alcuni segnali positivi in questi due giorni. Nelle prove libere del mattino e anche nei warm-up di oggi, sono stato in grado di guidare un po’ meglio, con un tempo di circa 1:40.5. In gara, però, con le temperature più elevate del pomeriggio, la gomma posteriore ha iniziato a scivolare molto, dopo pochi giri. Più cercavo di correre più scivolava, così in realtà andavo più lento. Ho cercato di stare con gli altri, ma ho rischiato di cadere. A quel punto, ho deciso di arrivare al traguardo senza commettere errori. Sono contento che si vada direttamente a Brno la prossima settimana, perché è una pista che mi piace molto e l’anno scorso abbiamo avuto una gara decente. Poi avremo anche un test in cui cercheremo di fare un buon passo in avanti con la moto perché ci sono solo sette giri fino alla fine e noi dobbiamo fare alcune gare migliori “.

Pubblicato in Articoli, News ed eventi, ServizioI Commenti sono chiusi

Qualifiche difficili per il Ducati Team a Indy, Hayden non prenderà il via al GP di domani

 Dopo un inizio di giornata positivo con Valentino Rossi e Nicky Hayden capaci di ridurre ulteriormente il distacco dai primi nel corso del terzo turno di libere, il Ducati Team ha vissuto un turno di qualifiche difficile.

 

A circa dieci minuti dalla fine della sessione Nicky Hayden è caduto alla curva quattordici, mentre stava completando un giro molto veloce con la gomma morbida. Dopo un primo controllo al Centro Medico del circuito, è stato trasferito al Methodist Hospital di Indianapolis dove ulteriori accertamenti hanno evidenziato due piccole fratture non scomposte al secondo e terzo metacarpo della mano destra. La TAC è risultata negativa e il pilota americano dovrebbe essere dimesso in serata o nella mattinata di domani ma in ogni caso non prenderà il via al Gran Premio di Indianapolis.

 

Valentino Rossi che dopo il terzo turno di prove era fiducioso di poter migliorare ulteriormente in qualifica non è invece riuscito a ripetere la sua prestazione del mattino, ottenuta con temperature più fresche.

 

Valentino Rossi (Ducati Team) 11° (1’40.763)
“Peccato perché stamattina era andata piuttosto bene: ero riuscito a fare dei buoni giri sia con la gomma dura sia con la morbida e alla fine non ero troppo lontano, anzi, giravo sul passo del secondo gruppetto. La cosa mi aveva reso ottimista, pensavo che in qualifica avrei girato in 1’39 e invece non sono riuscito nemmeno a rifare il tempo delle libere. Non avevo aderenza dietro, la gomma posteriore scivolava molto. Nell’ultimo giro lanciato ho preso un grosso rischio nella stessa curva in cui è caduto anche Nicky. Questa pista ha un asfalto particolare, con uno standard di “grip” minore a quello a cui siamo abituati ma che, nello stesso tempo, consuma molto le gomme. Per questo motivo, qui abbiamo a disposizione pneumatici con carcasse più dure. Proveremo a modificare qualcosa domani per avere un po’ più di “grip” e vedremo quale sarà il mio passo gara”.

Pubblicato in Articoli, News ed eventi, ServizioI Commenti sono chiusi

Il Team Enel Ducati rivolge l’attenzione al Brickyard

Dopo una pausa estiva ricca di eventi, in cui il team Ducati e Valentino Rossi hanno annunciato la loro separazione alla fine del 2012, la squadra italiana è completamente concentrata sul prossimo Red Bull Indianapolis Grand Prix di questo fine settimana.

Il noto Brickyard, che ha ospitato le gare della MotoGP ™ negli ultimi quattro anni, sarà una sfida per le squadre e i piloti, che non solo hanno un layout molto vario da affrontare, ma anche alcuni cambiamenti superficiali interessanti. È una corsa in senso antiorario, e mette uno sforzo enorme sulla spalla sinistra del pneumatico, che è il motivo per cui Bridgestone fornirà pneumatici asimmetrici caratterizzati da una gomma più dura sul lato sinistro.


Jeremy Burgess, capo della squadra di Rossi, spiega le sfide che la squadra dovrà affrontare: “Indy è una pista interessante. E’ la mano sinistra – come Laguna Seca. Ha un veloce rettilineo, un sacco di curve lente, e, in particolare, ha alcuni cambiamenti di superficie, che rendono la pista difficile per molti piloti. E l’ultima sequenza di angoli immessi sul rettilineo sono molto verso sinistra, in modo da alzare la temperatura in quel lato del pneumatico, che può rendere difficile inserirsi bene sulla retta. Quindi, l’impostazione della moto è abbastanza difficile, o lo è stato, per noi in passato. Quindi è molto interessante”.

L’australiano, inoltre, non crede che la cilindrata maggiore darà alcun vantaggio o svantaggio: “Non credo che vedremo molta differenza. Il circuito di Indy è non cambia in termini di 800cc e 1000cc – gli angoli sono molto piatti, perché sono disposti entro i confini del circuito ovale, naturalmente. E questo è di per sé interessante, ma è un buon circuito, e mi piace andare là”.

Rossi, nonostante la sua decisione di lasciare, si è impegnato a fare il suo progresso per la squadra prima della fine della stagione: “Questa pausa serviva come un’opportunità per prendere decisioni importanti per il futuro, ma ora voglio tornare a pensare alle gare perché vogliamo migliorare, e durante il fine settimana è importante concentrarsi completamente su ciò che dobbiamo fare in pista. Indianapolis non è uno dei miei circuiti preferiti, anche se ho conquistato una vittoria lì. E’ una pista particolare perché è una di quelle che va nella direzione opposta, in modo che le linee sono un po’ strane in molti degli angoli. E’ una pista difficile, ma cercheremo di fare del nostro meglio e di divertirci”.

Il suo compagno di squadra Nicky Hayden, di fronte al suo pubblico, spera di fare bene: “Laguna è stata divertente, ma Indy è proprio il mio GP di casa, proprio di fronte al confine di stato col Kentucky. Speriamo di poter fare un buon risultato. Abbiamo faticato più a Laguna di quanto mi aspettassi, ma Indy è molto più veloce, con più possibilità di aprire il gas. Dovrebbe essere bello guidare lì e sarà divertente per i fan americani arrivare davvero a vederci in azione. La scorsa stagione, l’usura degli pneumatici è stato un problema, ma si spera che la pista sarà un po’ meglio quest’anno. Spero di essere competitivo a partire dal venerdì, e sarò sicuramente deluso se non oterrò il miglior risultato della stagione fino ad ora”.

Pubblicato in Articoli, News ed eventi, ServizioI Commenti sono chiusi

Enel Ducati sul web