Tag Archive | "Juan Martinez"

Tags: , , , , , ,

Ducati pronta per Brno


Il team Ducati si dirige verso il Gran Premio di Ceské Republiky a Brno con ottimismo, ma potrà contare solo su metà delle sue forze dato che l’americano Nicky Hayden non potrà correre a causa delle fratture alla mano destra, riportate lo scorso weekend a Indianapolis.

Tuttavia, il capo crew Juan Martínez delinea il compito che l’unico pilota della squadra, Valentino Rossi, si troverà ad affrontare questo fine settimana: “Brno è una pista piuttosto larga, quindi questo permette alle moto di avere linee molto ampie e portare un sacco di velocità attraverso gli angoli. Questo dovrebbe essere un bene per gli spettatori, perché si possono vedere molti più passaggi. Brno è una pista molto bella. ”

La squadra italiana, che ha lottato con l’aderenza dei pneumatici posteriori sul circuito  stretto e tortuoso di Indianapolis, sarà sostenuta dal fatto che le caratteristiche della pista di Brno permettono un maggiore uso della potenza della Desmosedici. Martínez ha detto: “Per noi è molto importante utilizzare bene il motore, perché si ha una chiusura in salita per l’ultima parte del percorso di gara, quindi il motore diventa molto importante per la fine della gara. Per noi Brno è stata generalmente molto buona. Normalmente le nostre moto soffrono un po’ sulle curve strette, che a Brno non ci sono, quindi di solito si tratta di una pista dalla quale ci aspettiamo un buon risultato. ”

Rossi, che ha vinto su questa pista sette volte nella sua carriera fino ad ora, non vede l’ora di tornare a una pista che lo diverte: “Laguna ed Indy sono state due gare molto difficili, quindi sono felice che corriamo di nuovo a breve a Brno. Le prossime due settimane saranno molto importanti per il resto della stagione. Mi aspetto di fare meglio nella Repubblica Ceca, in quanto è una pista che mi piace e che è più ‘normale’. Ho avuto una gara abbastanza buona a secco l’anno scorso con la Ducati, anche in termini di distacco. Poi la prossima settimana avremo due giorni di test a Misano, dove avremo alcune cose nuove da provare che spero ci aiuteranno ad essere più veloci nell’ultima parte della stagione. ”

Hayden, che è attualmente negli Stati Uniti, spera di tornare di nuovo per il round di Misano il 16 settembre, ma nel frattempo è naturalmente deluso di saltare la gara: ” È  dura perdere un’altra gara. Io non ho grossi problemi, ma la mia mano è ancora molto gonfia e non ho molta forza, e, naturalmente, le lesioni alla mano destra sono delicate per i piloti di moto. Avrei potuto dare molto meno del 100 per cento, e se avessi usato troppa forza o se fossi caduto di nuovo, avrei potuto peggiorare le cose. Per quanto il pilota in me non sia contento di stare a casa e perdere piste e punti, ho bisogno di ascoltare gli esperti e cercare di guarire e di essere pronto per Misano. È una gara importante per me e per la Ducati, e farò tutto la riabilitazione per tornare il più in forma possibile. Non mi piace, ma è la cosa giusta da fare.”

Posted in Articoli, News ed eventi, ServizioCommenti disabilitati

Tags: , , , , , , ,

La ‘driveability’ del motore sarà fondamentale per il Team Ducati


Mentre il Team Ducati viaggia questo week-end verso il Sachsenring in Germania, il capotecnico del team di Nicky Hayden, Juan Martinez, spiega le sfide che la squadra italiana dovrà affrontare sulla pista stretta e tortuosa.

“Sul circuito del Sachsenring, la ‘driveability’ del motore è assai importante perché non ci sono tante sezioni dove puoi usare il massimo potenziale della moto. Allora, è molto importante come usi il potere. Quando si accelera, è molto importante che non si perda il grip, perché questo danneggia tanto lo pneumatico.”

Il Team Ducati ha avuto alcuni problemi con il grip in questa stagione, anche se Martinez crede che esista ancora l’opportunità di trovare la soluzione giusta sulla pista tedesca: “Dovremo vedere come funziona il 1000cc su questo circuito. Lo capiamo un po’ grazie all’anno scorso, ma l’elettronica è leggermente migliorata, ciò dovrebbe aiutarci con lo pneumatico posteriore. La parte destra degli pneumatici è molto importante al Sachsenring perché raggiungono una temperatura altissima. Il composto che abbiamo usato è abbastanza forte, e quindi devi lavorare sul set up per avere una presa meccanica, compensando per la mancanza di presa dello pneumatico.”

Avendo ottenuto qui numerosi successi in passato, Martinez è ottimista per un risultato positivo. “Come sempre, proveremo a fare del nostro meglio con la Ducati. In passato abbiamo ottenuto buoni successi su questa pista.”

Rossi, che in carriera qui ha vinto cinque volte e in altre quattro occasioni è salito sul podio, è stato penalizzato da un problema con lo pneumatico posteriore durante la gara scorsa ad Assen, e quindi spera di fare una gara migliore in questo week end: “Il Sachsenring è una pista che mi piace abbastanza: è difficile perché è lenta e stretta ma con alcune sezioni molto veloci oltre a grandi dislivelli. E’ abbastanza diversa dalle ultime due dove abbiamo corso, Silverstone ed Assen, quindi vedremo come ci troveremo con la nostra moto. L’anno scorso abbiamo vissuto un fine settimana difficile ma, naturalmente, ogni volta che torniamo in pista, lo facciamo con l’obiettivo di andare meglio.”

Hayden, che è stato anche lui un assiduo frequentatore del podio al Sachsenring con quattro terzi posti, fa eco alle parole di Rossi, ma parla anche della pista con tanta entusiasmo: “A qualcuno il Sachsenring non piace perché è una pista piccola e stretta, ma per me vale il contrario. Magari non usi la sesta ma una delle sue curve potrebbe tranquillamente essere considerata la più bella della MotoGP: la “Waterfall”, veloce, cieca, in picchiata. Quando la moto è a posto, lì è divertimento puro ma se finisci fuori, e a me è capitato, ti diverti molto meno! Comunque a me piacciono le piste che girano in senso antiorario e poi lì sono salito sul podio diverse volte. E’ vero che la nostra moto tende a stressare le gomme e che questo tracciato contribuisce di suo, ma ad Assen abbiamo fatto un piccolo passo che penso ci possa aiutare in questo senso. Sono contento di correre lì.”

Posted in Articoli, News ed eventi, ServizioCommenti disabilitati

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Il secondo giorno di test a Valencia chiude la stagione 2011


Anche la seconda ed ultima giornata dei test della MotoGP a Valencia è stata caratterizzata da condizioni meteo ideali.

Valentino Rossi, tra i primi a salire in moto dopo l’apertura della pista e tra gli ultimi a fermarsi, ha lavorato instancabilmente con la sua squadra e con Filippo Preziosi per portare a termine le prove necessarie agli ingegneri che, a Bologna, continueranno a lavorare sul progetto 2012 .


Il collaudatore ufficiale Franco Battaini ha sostituito anche oggi Nicky Hayden, infortunato allo scafoide e al polso della mano destra, che non ha voluto anticipare il rientro a casa e ha seguito tutte le prove dai box del Ducati Team. Il pilota americano probabilmente nei prossimi giorni si sottoporrà ad una piccola operazione al polso per accelerare il recupero dall’infortunio.

La MotoGP chiude così la stagione di gare e prove per quanto riguarda il 2011 per tornare in azione con il primo dei test invernali previsto a Sepang, in Malesia, dal 31 gennaio al 2 febbraio 2012.

Valentino Rossi (Ducati Team) 6° tempo (1:33.332)

“Sono stati due giorni di test importanti perché avevamo bisogno di raccogliere molti dati per il lavoro dei prossimi mesi, che saranno cruciali. Le cose positive di questa moto sono sicuramente il motore, che mi piace, e il fatto che si guida un po’ meglio della precedente: ti da più gusto, anche perché puoi metterla più di traverso. Il telaio non è male ma sicuramente bisogna lavorarci, dobbiamo migliorare in frenata, perché devo riuscire a staccare più forte e in meno spazio, e dobbiamo migliorare l’aderenza in accelerazione. Filippo ha molte idee e abbiamo un po’ di tempo per metterle in pratica prima dei test del prossimo anno”.

Filippo Preziosi (Direttore Tecnico)

“Siamo stati fortunati a trovare il sole e in generale condizioni nettamente migliori di quelle del fine settimana di gara. Sfortunatamente Nicky non ha potuto girare ma quantomeno avrà tutto il tempo per recuperare prima dei test di Sepang del prossimo anno. Abbiamo chiesto a Valentino, a Franco (Battaini) e agli altri piloti Ducati di fare tutta una serie di confronti tra diverse soluzioni perché ci sono ancora dei parametri ciclistici da definire sul progetto che stiamo portando avanti. E’ stato molto impegnativo ma abbiamo raccolto una serie di elementi che adesso utilizzeremo per il lavoro di progettazione che stiamo facendo”.

“Ducati”
“Ducati”
“Ducati”
“Ducati Motor Holding S.p.A.”
“Ducati”
“Ducati”

Posted in Articoli, Interviste, News ed eventi, Schede tecniche, ServizioCommenti disabilitati

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Il Ducati Team ha cominciato a lavorare per il 2012


Oggi a Valencia una giornata finalmente sgombra di nubi ha permesso ai piloti della MotoGP di sfruttare pienamente le sette ore a disposizione nel primo dei due giorni di test in programma.

Valentino Rossi ha cominciato un importante lavoro di raccolta di informazioni in preparazione della stagione di test invernali 2012, effettuando una lunga serie di prove di set-up con la sua squadra e la supervisione del direttore tecnico Filippo Preziosi.

Nicky Hayden sfortunatamente all’ultimo momento ha dovuto rinunciare ai test a causa delle conseguenze della caduta nella gara di domenica. Esami più approfonditi rispetto alle radiografie effettuate subito dopo il GP, hanno infatti evidenziato due fratture, non scomposte, dello scafoide della mano destra e dello stiloide radiale del polso. Il tester ufficiale, Franco Battaini, nel pomeriggio ha preso il suo posto a fianco di Valentino Rossi.

Valentino Rossi (Ducati Team) 6° tempo (1:33.857)
“Questa moto si guida meglio della 800, anche se siamo appena all’inizio del nostro lavoro. Si può dire che il feeling sotto alcuni aspetti è migliorato mentre sotto altri è molto simile a prima, ma è esattamente quello che ci aspettavamo. Sappiamo infatti che stiamo facendo una lavoro di preparazione per la moto che useremo nei test del 2012, che saranno molto importanti. Il motore sembra vada già piuttosto bene, è veloce, anche se non mi sono mai trovato proprio con gli altri per un paragone diretto. In centro curva invece sono ancora un po’ lento e  inoltre dobbiamo cercare di migliorare l’aderenza sul posteriore perché al momento non riusciamo scaricare bene la potenza a terra e quindi a sfruttarla tutta. Però come primo “assaggio” non è male e la cosa davvero importante è che possiamo lavorare più liberamente sulla moto, modificare il bilanciamento, la distribuzione dei pesi, le misure e quello che serve per preparare i prossimi importanti tre mesi di lavoro”.   

Nicky Hayden (Ducati Team)

“Questa mattina mi sono messo la tuta e sono andato al box ma non mi sentivo a posto. Sono qundi passato in clinica per un antidolorifico ma uno dei medici, dopo aver esaminato ancora la mano, mi ha consigliato di fare una TAC. Siamo quindi andati in ospedale dove la scansione ha evidenziato due fratture. D’accordo con i medici e il mio fisioterapista ho deciso di non guidare anche se c’erano delle cose molto importanti che avrei voluto provare. Lo scafoide è un osso particolare e, se non fai attenzione, può volerci tantissimo per guarire dato che non è molto irrorato dai vasi sanguigni. Ho quindi scelto di stare a guardare i test. Farò comunque altri esami e poi deciderò se operarmi o meno”.

Posted in Articoli, Interviste, News ed eventi, Schede tecniche, ServizioCommenti disabilitati

Enel Ducati sul web