Tag Archive | "Spagna"

Tags: , , , , , ,

Gli pneumatici chiave di volta per il Team Ducati nella gara finale a Valencia


Il Team Enel Ducati si prepara questo fine settimana per il Gran Premio Generali della Comunitat Valenciana cercando di finire la stagione 2012 in crescendo. Valentino Rossi, che svolgerà la sua ultima gara con la squadra italiana, ha ancora la possibilità di finire al quinto posto nella classifica del Mondiale, mentre Nicky Hayden potrebbe finire in ottava posizione.

 

Il Capo tecnico della squadra di Hayden, Juan Martínez, riassume ciò che sarà necessario da parte del team per dare a entrambi i piloti i migliori strumenti possibili per raggiungere il loro obiettivo: “La pista di Valencia è una pista dove non si dispone di tanti angoli a destra, così che occorrerà porre molta attenzione in curva, soprattutto per quanto riguarda il riscaldamento degli pneumatici, per evitare eventuali incidenti”.

 

E continua: “Quest’anno dovremo scoprire la superficie diversa, perché hanno messo su una nuova superficie, e sembra che sia molto più aggressiva e che sarà molto difficile per gli pneumatici. Vedremo che tipo di pneumatici Bridgestone presenterà”.

 

La Ducati, nota per la sua elevatissima potenza, dovrà concentrarsi sul telaio di set-up per prolungare la durata del pneumatico. Martínez aggiunge: “Il motore non è così importante come potrebbe essere per esempio a Sepang, ma dobbiamo lavorare per rendere la vita del pneumatico abbastanza buono per completare la gara. Il set-up sarà molto importante per le gomme. Quando si dispone di una nuova superficie in pista, il grip non è proprio costante sul pneumatico. Si può rompere la gomma e le gomme non sono in grado di completare tutta la gara, quindi dobbiamo impostare il nostro telaio perfettamente”.

 

Rossi, che non vince qui dal 2004, è impaziente di saggiare l’atmosfera sul circuito: “Valencia sicuramente non è uno dei miei circuiti preferiti, a parte il fatto che si trova in Spagna, che ha sempre una grande atmosfera. E’ una pista ‘Topolino’ molto piccola per la MotoGP e, pertanto, difficile e complicata. Ci sono un sacco di curve a sinistra, e io di solito preferisco quelleche vanno a destra. In ogni caso, staremo a vedere. L’asfalto è stato rifatto e avrebbero dovuto migliorare l’aderenza alla strada e agli urti. Sarà un fine settimana strano e debba difficile per diversi motivi, ma faremo del nostro meglio”.

 

Hayden rispecchia i pensieri del suo capo equipaggio: “Valencia è una pista e una gara che mi piacciono molto. E’ l’ultimo atto dell’anno, quindi l’atmosfera è buona e tutti sembrano sempre avere un qualcosa in più. La pista è stata ri-asfaltata, ed è stato certamente un atto dovuto. Dovremo vedere come comportarci con le gomme quando saremo lì. Avremo bisogno di qualcosa che abbia una buona resistenza a sinistra, ma dovremo mantenere anche abbastanza calore sulla destra. Una cosa che abbiamo bisogno di fare meglio rispetto alle ultime gare è migliorare nei test con la moto nel corso del weekend. La mia squadra ha lavorato duramente per tutto l’anno, e ci tengo a chiudere la stagione con una buona gara”.

Posted in Articoli, News ed eventi, ServizioCommenti disabilitati

Tags: , , , , , ,

Il Ducati Team si prepara per il finale di stagione


Dopo un meritato fine settimana di sosta, il Ducati Team si dirige a Valencia per il quarto appuntamento iridato della stagione in terra spagnola e, in particolare, diciottesimo e ultimo del Campionato MotoGP 2012.

 

Il team e i suoi piloti vorranno rifarsi di quanto accaduto durante il loro ultimo Gran Premio al Ricardo Tormo quando, sia Valentino Rossi sia Nicky Hayden, sono stati abbattuti alla prima curva da un altro pilota. Quest’anno la pista è stata riasfaltata e sarà importante verificare la resa delle gomme ed il set-up da adattare di conseguenza. Questa gara invariabilmente attrae un gran numero di appassionati e la configurazione tipo anfiteatro dell’intera struttura rende l’atmosfera ancora più emozionante.

 

Dopo la gara i piloti e le squadre della MotoGP si fermeranno per un giorno prima di tornare in pista per due giorni di test, sullo stesso tracciato, il martedì e mercoledì successivo.

 

VALENTINO ROSSI, Ducati Team

“Valencia decisamente non è una delle mie piste preferite, a parte il fatto che si corre in Spagna, dove c’è sempre una grande atmosfera. E’ una pista “micky mouse”, piccola per la MotoGP e per questo difficile, insidiosa. Ci sono un sacco di curve a sinistra e io di solito preferisco quelle a destra. Comunque vedremo, l’asfalto è stato rifatto e questo dovrebbe aver migliorato sia il “grip” sia le buche. Sarà un fine settimana particolare, impegnativo sotto diversi punti di vista, ma faremo del nostro meglio”.

 

NICKY HAYDEN, Ducati Team

“Valencia è una pista ed una gara che amo molto. E’ l’ultima dell’anno e l’atmosfera è bella: tutti sembrano avere qualche cosa in più da dare in questa occasione. La pista è stata riasfaltata rispetto all’ultima volta, e ci voleva. Sarà da verificare la resa delle gomme perchè l’asfalto nuovo può essere abrasivo. Dobbiamo trovare delle soluzioni che ci consentano una buona tenuta sul lato sinistro e che nello stesso tempo raggiunga una temperatura adeguata su quello destro. Un fondo non troppo aggressivo normalmente è migliore per la nostra moto. Rispetto alle ultime gare dobbiamo riuscire a fare più progressi nel corso del fine settimana. La mia squadra ha lavorato tantissimo durante tutta la stagione e mi piacerebbe molto ottenere un buon risultato per loro.

 

VITTORIANO GUARESCHI, Team Manager

“E’ l’ultima gara e Valentino ha la possibilità di raggiungere il quinto posto finale. Faremo il nostro massimo per metterlo in condizione di ottenerlo. E’ importante che anche Nicky finisca bene il campionato perchè, a parte la gara malese sull’acqua, ha vissuto un finale di stagione un po’ sfortunato. L’anno scorso sia lui sia Vale sono stati coinvolti in un incidente alla prima curva ma avevano fatto delle belle qualifiche e avevano la possibilità di fare una buona gara. Vedremo se i dati e le informazioni che abbiamo dall’anno scorso saranno valide anche adesso con l’asfalto nuovo”.

 

RECORD DEL CIRCUITO DI VALENCIA

 

Record Ufficiale: Casey Stoner (Ducati – 2008), 1’32.582 – 155.732 Km/h

Best Pole: Valentino Rossi (Yamaha – 2006), 1’31.002 – 158.436 Km/h

Lunghezza Circuito: 4,005 km

Gara MotoGP 2010: 30 giri (120,15 km)

Orario gara MotoGP 2010: 14:00 Ora Locale

 

PODIO 2011: 1° Casey Stoner, 2° Ben Spies, 3° Andrea Dovizioso

2011 POLE: Casey Stoner (Honda), 1’31.861 – 156.954 Km/h

 

RISULTATI DUCATI TEAM A VALENCIA (MIGLIORE)

2011: DNF

2010: 2° (Stoner)

2009: 5° (Hayden)

2008: 1° (Stoner)

2007: 2° (Stoner)
2006: 1° (Bayliss)
2005: 4° (Checa)
2004: 3° (Bayliss)
2003: 3° (Capirossi)

 

DUCATI TEAM – DATI DEI PILOTI

 

VALENTINO ROSSI

Moto: Ducati Team Desmosedici GP12

Numero di gara: 46

Età: 33 (nato a Pesaro il 16 febbraio 1979)

Residenza: Tavullia (Pesaro, Italia)

Numero GP: 275 (215XMotoGP, 30X250cc, 30X125cc)

Primo GP: GP della Malesia, 1996 (125cc)

Numero di vittorie 105 (79XMotoGP, 14X250cc, 12X125cc)

Prima vittoria GP: GP della Repubblica Ceca, 1996 (125cc)

Pole Position: 59 (49XMotoGP, 5X250cc, 5X125cc)

Prima Pole: GP della Repubblica Ceca, 1996 (125cc)

Titoli Mondiali: 9 (6XMotoGP, 1X500cc, 1X250cc, 1X125cc)

 

Risultati Rossi a Valencia in MotoGP

2011: Qualifica: 6: ; Gara DNF

2010: Qualifica: 4°; Gara: 3°

2009: Qualifica: 4°; Gara: 2°

2008: Qualifica: 10°; Gara: 3°

2007: Qualifica: 17°; Gara: DNF

2006: Qualifica: 1°; Gara: 13°

2005: Qualifica: 15°; Gara: 3°

2004: Qualifica: 3°; Gara: 1°

2003: Qualifica: 1°; Gara: 1°

2002: Qualifica: 6°; Gara: 2°

2001: Qualifica: 2°; Gara: 11°

2000: Qualifica: 5°; Gara: DNF

 

Risultati Rossi a Valencia in 250

1999: Qualifica: 4°; Gara: 8°

 

NICKY HAYDEN

Età: 31 (nato il 30 luglio 1981 a Owensboro, Kentucky, USA)

Residenza: Owensboro, USA

Moto: Ducati Team Desmosedici GP11

Numero di gara: 69

Numero GP: 166 (166xMotoGP)

Primo GP: GP del Giappone, 2003 (MotoGP)

Numero di vittorie: 3 (3xMotoGP)

Prima vittoria GP: GP degli USA, 2005 (MotoGP)

Pole position: 5 (5xMotoGP)

Prima Pole: GP degli USA, 2005 (MotoGP)

Titoli Mondiali: 1 (MotoGP, 2006)

 

Risultati Hayden a Valencia in MotoGP

 

2011: Qualifica: 7°; Gara: DNF

2010: Qualifica: 5°; Gara: DNF

2009: Qualifica: 6°; Gara: 5°

2008: Qualifica: 3°; Gara: 5°

2007: Qualifica: 3°; Gara: 8°

2006: Qualifica: 5°; Gara: 3°

2005: Qualifica: 3°; Gara: 2°

2004: Qualifica: 5°; Gara: DNF

2003: Qualifica: 4°; Gara: 16°

 

Posted in Articoli, News ed eventi, ServizioCommenti disabilitati

Tags: , , , , , ,

Il Team Ducati punta a riscattarsi dopo la difficile prova di Aragon


Il Ducati Team ha avuto un weekend difficile nello scorso fine settimana al Gran Premio di Aragón Iveco. Valentino Rossi è stato costretto a gareggiare tra le retrovie mentre Nicky Hayden si è preso un bello spavento a causa di una brutta caduta.

 

Rossi ha commesso un errore al primo giro mentre cercava di superare Jonathan Rae intorno alla parte esterna della curva finale ed è stato spinto fuori pista. Tuttavia l’italiano è tornato con il gruppo per terminare alla fine ottavo. Hayden è invece andato largo nello stesso turno un giro dopo, correndo contro il muro e volando su di esso. Inizialmente è stato trasportato al centro medico del circuito e poi per all’Ospedale di Alcañiz per controlli precauzionali. In seguito è stato rilasciato e ha intenzione di gareggiare nel prossimo GP a Motegi, in Giappone.

 

Il team manager Vittoriano Guareschi riassume così la gara: “E’ stato un fine settimana molto difficile per noi. Dopo la buona gara di Misano e dopo ii buoni test dopo la gara di Misano abbiamo avuto un weekend molto difficile qui perché non abbiamo potuto provare la nostra moto in condizioni di asciutto con il nuovo telaio con Nicky. Per questo motivo, abbiamo avuto qualifiche e gara assai difficili. Avendo ottenuto una buona posizione in griglia, sarebbe stato possibile finire in quinta o sesta piazza, ma per noi è una pista difficile. Abbiamo sofferto molto con il grip – Vale ha detto che questo è un grosso problema per noi. Possiamo migliorare la nostra moto, ma abbiamo bisogno di cercare di più per migliorarci. Nicky ha avuto un grosso incidente. Ma sarà pronto per la gara di Motegi.”

 

Riguardo alla prossima gara in Giappone, Guareschi è fiducioso che il team Ducati si riprenderà: “Per noi Motegi è una buona pista, perché il grip è buono, e questo è importante per la nostra moto in questo momento, soprattutto dopo lo scorso anno. Dopo un giro di Valentino cadde e abbiamo finito la gara molto presto. Ma a lui piace la pista e credo che sarà possibile ottenere un buon risultato.”

 

Rossi si è rammaricato del suo errore iniziale, ma crede che la squadra migliorerà a Motegi: “E’ un peccato per l’errore al primo giro. Ero un po’ più veloce di Rea, e quando ci siamo affiancati sul rettilineo e lui ha frenato un po’ prima, sono andato a destra. Non poteva vedermi e mi ha spinto vicino al cordolo, e ho iniziato subito a evitarlo. Ho dovuto andare verso l’interno, non l’esterno. Senza quell’incidente, penso che avrei potuto lottare con Bautista per il sesto posto, che è il nostro potenziale su questa pista oggi. C’è ancora molto lavoro da fare, ma è anche vero che per noi questa era probabilmente la pista più difficile, quindi speriamo di essere più competitivi a Motegi tra due settimane.”

 

Hayden, parlando la sera dopo l’incidente, ha aggiunto: “Ho girato lo pneumatico molto sulla partenza, ma sono stato in grado di superare Rossi e Johnny Rea. Il freno posteriore non funzionava da circa metà giro, forse perché l’ho surriscaldato. Stavo cercando di mantenere il gruppo in vista davanti a me, ma ho spinto il fronte nel turno precedente. Sono riuscito a prenderlo, ma mi è venuto su quel muro veramente veloce. Ho pensato che avrei potuto colpirlo a testa in giù, se fossi saltato fuori, così mi sono lasciato andare a destra prima dell’impatto. Mi dispiace, rompere anche la moto, ma sono grato ai dispositivi di sicurezza e tutto è andato bene. “

Posted in Articoli, News ed eventi, ServizioCommenti disabilitati

Tags: , , , , , ,

Gara impegnativa ma segnali positivi per il Ducati Team ad Aragon


Nicky Hayden e Valentino Rossi hanno pagato due uscite di pista nelle primissime fasi del GP di Aragon, con una caduta dopo l’impatto contro le protezioni il primo e una rincorsa forzata il secondo.

 

Fortunatamente è stato maggiore lo spavento che le conseguenze dell’incidente per l’americano, volato oltre le barriere dopo aver perso l’anteriore nell’ultima curva del secondo giro.  Nello stesso punto era caduto, in qualifica, il giorno precedente ma oggi era riuscito a rimanere in sella fino all’impatto contro le protezioni. Hayden è stato trasferito al centro medico e successivamente all’ospedale di Alcañiz dove tutti i controlli del caso hanno scongiurato conseguenze fisiche. Il pilota americano, già dimesso, sarà regolarmente al via del prossimo GP del Giappone.

 

Valentino Rossi invece è uscito di pista nel primo giro per evitare un contatto con Jonathan Rea. Il successivo rientro in ultima posizione lo ha costretto ad una gara tutta in salita. L’italiano ha girato su un buon passo fino al traguardo e ha recuperato dodici posizioni, chiudendo ottavo.

 

Valentino Rossi (Ducati Team) 8°

“Peccato per quell’errore nel primo giro. Ero un po’ più veloce di Rea e quando in rettilineo ci siamo aperti a ventaglio, e lui ha frenato un po’ prima di me, io sono andato verso destra: non poteva vedermi, mi ha stretto sul cordolo e, per evitarlo, sono andato dritto. Avrei dovuto andare all’interno non all’esterno. Senza quell’episodio penso che avrei potuto lottare per il sesto posto con Bautista, quello che era il nostro potenziale su questa pista oggi. In gara infatti le cose sono andate meglio che in prova, dove avevamo sofferto molto in accelerazione sia sul bagnato sia sull’asciutto. Dopo il warm-up invece abbiamo fatto delle modifiche che ci hanno permesso di girare su un passo discreto per tutta la gara, in maniera costante e senza consumare eccessivamente le gomme. Questo è un segnale  positivo, considerando che ci eravamo riusciti anche a Misano. C’è ancora molto da lavorare ma è anche vero che per noi questa era probabilmente la pista più impegnativa tra quelle che mancano fino a fine stagione quindi speriamo di essere di essere più veloci già a Motegi, tra due settimane”

 

Nicky Hayden (Ducati Team) DNF

“In partenza ho fatto slittare molto la gomma ma sono comunque riuscito a passare Rossi e Rea. Il freno posteriore non lavorava perfettamente, forse perché l’ho fatto surriscaldare, e mentre cercavo di restare vicino al gruppetto davanti, ho perso l’anteriore nell’ultima curva. Sono riuscito a restare in sella ma sono arrivato molto velocemente alle barriere. Temevo di colpirle di testa quindi ho lasciato la presa solo all’ultimo. Mi spiace di aver distrutto la moto ma sono davvero grato per l’ottima protezione che ho avuto da casco e tuta, che hanno funzionato bene, e per essere a posto fisicamente dopo l’impatto”.

 

Vittoriano Guareschi, Team Manager

“Qui ad Aragon abbiamo vissuto un fine settimana molto impegnativo perché abbiamo affrontato la gara con pochissimo tempo a disposizione per lavorare sulla messa a punto. In un momento in cui, con telaio e forcellone nuovi, avremmo avuto bisogno di girare il più possibile, l’unico turno asciutto è stato quello delle qualifiche, dove era importante provare a fare il tempo piuttosto che provare assetti. Ci è rimasto il warm-up  e devo dire che la squadra è stata brava a trovare le soluzioni che hanno permesso a Vale di girare fino alla fine su un ritmo buono, senza provocare un’usura eccessiva delle gomme. Ovviamente avremmo fatto a meno delle due uscite di pista ma fortunatamente per Nicky non ci sono state conseguenze, a parte un certo spavento per tutti noi. Penso che oggi, risultato a parte, ci siano stati dei segnali positivi, che indicano che stiamo lavorando nella direzione giusta”.

 

 

 

Posted in Articoli, News ed eventi, ServizioCommenti disabilitati

Enel Ducati sul web